Proyecto social de
sensibilización contra
el odio online

La fuerza de las palabras: pueden conmover, unir, transmitir amor. Pero al mismo tiempo, pueden herir, ofender, alejar. En Internet, muchas veces, la agresividad domina entre tweets, post, estados e historias.

Es verdad que los medios sociales son espacios virtuales, pero es también verdad que las personas que se encuentran ahí son reales, y las consecuencias son reales. Por eso, especialmente en Internet, tenemos que tener cuidado de cómo usamos las palabras.

¿Qué es el Manifiesto
de la comunicación no hostil?

 

Parole O_Stili si basa su un Manifesto della comunicazione non ostile, che es una carta que recoge 10 principios útiles a redefinir el estilo con el que estar en Internet. Manifesto dalla rete per la rete…

  1. Virtuale è reale

    Non c’è buona amministrazione senza buona comunicazione. Investo le migliori energie perché la mia comunicazione online e offline sia semplice, accessibile, comprensibile, trasparente, cortese. So che quanto scrivo in Rete ha conseguenze reali.

  2. Si è ciò che si comunica

    So che l’azione amministrativa risulta tanto più efficace quanto più efficacemente la comunico: i cittadini hanno il diritto di accedere con facilità e fiducia a dati, documenti, informazioni e servizi, di essere coinvolti nelle scelte, di capire e verificare il mio operato.

  3. Le parole danno forma al pensiero

    Evito le formule astruse. Il burocratese vessatorio. I termini inglesi fuorvianti. So che capire è diritto di ogni cittadino. Se la mia espressione è oscura, questo significa che anche il mio pensiero e la mia azione non sono chiari e trasparenti a sufficienza. Incoraggio il dialogo.

  4. Prima di parlare bisogna ascoltare

    Ascolto le opinioni e i suggerimenti dei cittadini. Scelgo la collaborazione e attivo canali che favoriscano un dialogo costruttivo e civile. Se un dubbio o un quesito viene espresso, rispondo con tempestività. Se un disagio viene manifestato, mi interrogo su cause e rimedi.

  5. Le parole sono un ponte

    Scelgo parole e strumenti adatti a dialogare con tutti i cittadini, compresi anziani, stranieri, persone poco scolarizzate. Verifico che quanto dico o scrivo venga capito dai cittadini. È mia responsabilità farmi capire, favorendo una comunicazione positiva e propositiva.

  1. Le parole hanno conseguenze

    Sono consapevole del fatto che ogni mio messaggio e ogni mia azione hanno conseguenze concrete e rilevanti per la quotidianità dei cittadini. Sono accessibile, informo, semplifico, rendo chiari gli adempimenti e le procedure.

  2. Condividere è una responsabilità

    Quanto condivido in rete influisce sulla percezione del mio operato. Aggiorno informazioni e dati.
    Li rendo reperibili, se possibile in formato aperto. Non diffondo messaggi fuorvianti o poco trasparenti. Informo i cittadini sui loro diritti: conoscenza, privacy, sicurezza.

  3. Le idee si possono discutere.
    Le persone si devono rispettare

    Il rispetto reciproco è il fondamento della convivenza civile e migliora la collaborazione e la partecipazione. Faccio sì che ogni mia comunicazione sia rispettosa dei cittadini nella forma e nella sostanza, e promuovo presso la collettività una cultura del rispetto.

  4. Gli insulti non sono argomenti

    Gli insulti sono umilianti sia per chi li riceve, sia per chi li fa, sia per chi ne è spettatore.
    Invito chi insulta a esprimere altrimenti la propria opinione. Non tollero insulti, nemmeno quando vanno a mio favore. Diffondo una netiquette per il buon uso dei miei canali online.

  5. Anche il silenzio comunica

    So che l’attenzione e il tempo dei cittadini sono preziosi e valorizzo la brevità.
    Comunico solo per motivi funzionali: per promuovere consapevolezza e partecipazione e mai per ragioni propagandistiche. La mia comunicazione è sempre utile, necessaria e pertinente.

Scarica
il Manifesto

Scaricalo nei diversi formati e
personalizza i tuoi profili social

Firma
il Manifesto

Per una rete miglire

Vuoi seguirci?

 

Iscriviti alla newsletter per sapere quali saranno le prossime iniziative di Parole O_Stili, conoscere le date dei nuovi appuntamenti e di tutti gli altri momenti di confronto sul tema.

Parole O_Stili, la historia

La organización sin fines de lucro Parole O_Stili nació en Trieste en agosto 2016. Parole O_Stili tiene la finalidad de responsabilizar y educar los usuarios de la red a elegir formas de comunicación no hostil.

¿Para quienes?

Parole O_Stili se dirige a todas las personas conscientes del hecho de que “lo virtual es real”, y que la hostilidad en Internet tiene consecuencias concretas, graves y permanentes en la vida de las personas.

¿Con quienes?

Parole O_Stili trabaja con escuelas, universidades, empresas, asociaciones, instituciones nacionales y territoriales para difundir las buenas prácticas de la comunicación en Internet, y para promover una mayor concienciación de las responsabilidades individuales.

Para más información visita el sitio en inglés o escríbenos a nuestro correo info@paroleostili.it!

ASSOCIAZIONE PAROLE OSTILI, Via Silvio Pellico 8/a - 34122 Trieste, C.F. 90153460325 @2016 - 2018
A cura di spaziouau | Privacy Policy